tutta mia la città

Standard

Ci sono mille modi di vivere in un luogo, ad esempio attraversandolo distratti per andare dal punto A al punto B, senza guardare ciò che ci sta intorno. Si può vivere in una città considerandola un posto qualsiasi, ininfluente rispetto alla nostra vita. Non se si vive a Torino.
Se vivi a Torino non puoi non rimanere estasiato dal sole che sorge sulla collina, dalle montagne che svettano tra i palazzi del centro.
Se vivi a Torino non puoi non riconoscere l’odore della neve prima che inizi a cadere o lasciarti spettinare dal vento delle terse e fredde giornate di febbraio.
Se vivi a Torino non puoi pensare che nelle piazze del centro debbano circolare le auto: sono luoghi in cui passeggiare, correre inseguendo i colombi, fermarsi su una panchina o in un bar a bere un caffè.
Se vivi a Torino sei abituato alle contaminazioni: il barocco e l’arte contemporanea convivono nelle strade e nei musei, la cultura e l’industria sono due aspetti della nostra identità, gli immigrati marocchini che ti avvicinano per venderti i braccialetti della fortuna quando se ne vanno ti dicono “cerea” per salutarti (non tutti, ma qualcuno parla piemontese meglio di me).
Se vivi a Torino e percorri in bici il corso del Po un pomeriggio di primavera scopri una città verde, piena di vita, calma e lenta, come le canoe che attraversano il fiume, attiva e concentrata, come le persone che camminano o corrono per il parco.
Torino è casa mia e non saprei starne lontana.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...