non chiedo nulla a babbo natale

Standard

Ho scritto 25 giorni fa il mio calendario dell’avvento. E devo aver sbagliato qualcosa perché nelle mie bustine non ho trovato quello che avrei voluto, ma altro. Preoccupazione, fatica, stanchezza, inquietudine e senso di impotenza. Però come ogni medaglia ha il suo rovescio, ogni bustina aveva una tasca segreta, un doppio fondo dove si sono nascosti altri doni.
Dove c’era la preoccupazione ho trovato l’entusiasmo dei miei ragazzi, contagioso e incoraggiante.
Dove c’era la fatica ho trovato le orecchie di tanti amici e della mia famiglia allargata che mi ha ascoltato, incoraggiato, sostenuto.
Dove c’era la stanchezza ho trovato l’efficienza di mio marito, che ha inventato cene, pranzi, in una gestione logistica degna di un campo di lavoro, ma che da sicurezza e riordina anche i miei pensieri.
Dove c’era l’inquietudine ho trovato il senso della realtà trasmesso da medici, infermieri e operatori che hanno accompagnato con sensibilità e fermezza un percorso di consapevolezza che è solo all’inizio e che ci porterà a cambiare aspettative.
Dove c’era il senso di impotenza ho trovato le mani di mia sorella da stringere, per tenersi insieme, per affrontare i giorni no, per decidere la direzione della strada da prendere.
Non chiedo nulla a Babbo Natale, ho ricevuto tanto nel corso degli anni.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...