passatempi

Standard

C’è quello che gioca con un razzo fatto di fogli stropicciati e tenuti insieme con lo scotch e lo ruota tra le mani, simulando piroette ed evoluzioni meravigliose. Alla domanda “ma cosa sta facendo questo razzo, perché non atterra?”, ti risponde con naturalezza “non trova parcheggio”. E poi passando davanti allo specchio dell’ingresso si tira su la maglia del pigiama e si guarda mentre si massaggia la pancia e si muove sinuosamente.

C’è l’altra che di fronte a una pubblicità in tv di assorbenti da donna ha la faccia da punto interrogativo e allora le dici che servono per il “sangue delle femmine” e che anche lei quando crescerà avrà questa cosa. Lei, senza distogliere lo sguardo dalla tv, sentenzia “adesso che lo so, avrei preferito non saperlo”. Quando è in camera sua da sola a giocare se la senti dall’altra stanza ti sembra di seguire un romanzo radiofonico, con tanto di dialoghi, effetti sonori, canzoni (di cui compone musica e testi).

C’è il grande che suggerisce lo stato di whatsapp alla cugina “14 anni e solo 12 e mezzo passati a parlare. Quanto tempo ho sprecato nella mia vita?”. Ma poi è lo stesso che gioca alla “signora che compra” con la sorella (gioco in cui uno fa il venditore e l’altro l’acquirente e sceglie gli oggetti tra cataloghi pubblicitari che vanno dal mobilificio, al cibo surgelato, alla fornitura d’ufficio, insomma tutto ciò che arriva in buca e viene custodito in un posto ad hoc, insieme a soldi finti e calcolatrice).

Ci si diverte sempre, o quasi, qui!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...