mamme 2.0

Standard

Sappiamo cercare proverbi in tutti i dialetti del paese su internet e troviamo pure la pronuncia corretta dello scioglilingua pugliese che ripete sempre gli stessi suoni e forse non vuol dire niente (e tutti i pugliesi ridono all’idea che qualcuno pensi a chissà quale significato nascosto).

Sappiamo trovare informazioni e materiali per una ricerca sull’Abruzzo, senza ricorrere a libretti dal titolo inequivocabile “Le mie ricerche”, unico materiale stampato di cui eravamo autorizzati a tagliare le figure (ma a me faceva sempre un po’ impressione pensare di tagliare un libro).

Sappiamo condividere compiti con foto del diario su gruppi di whatsapp e trovare la strada per andare alla partita di basket in trasferta o alla gara di ginnastica artistica in provincia senza aver guardato a casa il tuttocittà.

Ma quando il grembiule perde un bottone fingiamo di non vederlo, per evitare di doverlo riattaccare, cosa che ci farebbe piombare nello sconforto.

Quando nostra figlia al mattino litiga con l’elastico e la spazzola le diciamo che non si sa pettinare, interveniamo noi e il risultato è peggiore di prima, le codine sono una in cima alla testa, l’altra dietro le orecchie e la riga dietro che divide i capelli sembra fatta da un automobilista ubriaco.

Quando è il compleanno di uno dei ragazzi ricorriamo a torte di qualsiasi tipo con personaggi dei cartoni e forme meravigliose, pur di non preparare la torta di mele che faceva la nonna, alta da i 6 ai 12 cm, con le mele leggermente caramellate che componevano una corona invitante sulla superficie della torta. Le mie torte assomigliano a dei vulcani (nel senso che al centro c’è una profonda depressione) e le mele sono timide, scelgono di inabissarsi sul fondo.

Per la gara di ginnastica artistica diamo alla nonna da cucire sul body il contrassegno della squadra e all’allenatrice il compito di domare i capelli, con la scusa che non sappiamo come è meglio che siano raccolti per evitare che diano fastidio sulla trave.

Costringiamo il figlio grande a tenere la stessa camicia scout per anni, anche quando sarà praticamente una seconda pelle per non dover riattaccare tutte le patacchine (lavoro che per altro non ci farà guadagnare neanche uno straccio di specialità).

Siamo mamme 2.0, programmate per la tecnologia, meno per la manualità.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...