quello che rimane di un weekend

Standard

In un fine settimana in cui abbiamo messo di tutto, dai compiti alla gara di ginnastica artistica, dalle uscite scout alla corsa quel tanto che basta per pensare che forse ce la posso fare ad affrontare una gara, dal giro in bici al pranzo fuori, dai chiarimenti e il confronto alla condivisione delle ferite e del dolore, rimangono poche cose, ma che valgono tanto.

Rimane l’energia dei miei ragazzi, che ripaga la fatica di accompagnarli in mille posti, di essere a loro disposizione per fargli cogliere gli stimoli e le opportunità che i loro (pochi) anni gli permettono di cogliere.

Rimane la stanchezza da fatica fisica, dell’uscita, della gara, della corsa, del primo giro in bici senza rotelle seguendo papà fino al parco. La stanchezza che pulisce, che toglie i pensieri e le tossine che avvelenano il nostro corpo e la nostra mente, la nostra volontà che si sente ingabbiata e incapace di prendere una direzione.

Rimane la consapevolezza che il compagno di strada che ho scelto 13 anni fa è il migliore che potessi avere. Possono accanirsi gli eventi, diminuire le risorse, accavallarsi gli impegni, complicarsi le relazioni. Ma io e lui restiamo qui, insieme sulla strada, insieme nella salita, insieme in mezzo al vento. E avere qualcuno a cui stringere la mano quando le cose si complicano non è poco. È tutto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...