qualcosa d’effetto (ma che effetto!)

Standard

– Allora cosa avete deciso di fare coi palloncini? Secondo me possono essere normali e non gonfiati a elio –

– Però sono più d’effetto gonfiati a elio –

– Non so, mi rimetto alla maggioranza, però poi volano via e abbiamo speso tanti soldi per niente –

– Certo, però bisogna vedere cosa fanno le altre classi –

Non stiamo parlando della cerimonia di apertura dell’expo, né di quella delle olimpiadi invernali di Torino 2006. Stiamo parlando della conversazione tra genitori in occasione dell’ultimo giorno di scuola di una quinta elementare di periferia. Stiamo parlando della necessità di rendere spettacolare un momento intenso, che  però di spettacolare non ha nulla. Stiamo parlando del bisogno di essere sempre un po’ di più: più emozionati, più felici o più disperati, più sfortunati o più fortunati, più d’effetto.

Certo, bisogna scegliere che tipo d’effetto si vuole ottenere: a me i palloncini gonfiati a elio, gli spara coriandoli, i cori da stadio e gli striscioni fuori dalla scuola in mano ai genitori fanno l’effetto della depressione. Come le over 60 anni con il collo tirato e la biancheria intima a vista, prive di espressioni facciali e con l’incapacità di gestire la maionese del panino se arriva ai margini delle labbra (perché anche i movimenti diventano rigidi, oltre alle espressioni). Come quei bambini vestiti abbinati al padre, col colletto della polo sollevato, gli occhiali da sole e i jeans strappati ad arte sulle ginocchia. Come i selfie delle madri ultra 40enni insieme alle figlie 12enni ai concerti di Violetta o di Ligabue, con la fascia sulla fronte e i cartelli fatti a mano coi pennarelli.

L’effetto di chi, non trovando il proprio posto nella vita quotidiana,  nella normalità, nella propria età cerca una scappatoia nei palloncini gonfiati a elio, nella biancheria che sposta l’attenzione dalle rughe del collo, nel creare dei piccoli “sé” per convincersi che qualcuno ci prenda come modello, nel costringere la propria figlia ad essere un’amica, non sapendo trovarne (e mantenerne) da sola.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...