passaggi

Standard

C’è chi ha visto i grandi andare via e sa che adesso tra i grandi ci sarà lei. E non ha neanche una settimana per abituarsi all’idea.

C’è chi è tornato portando lo zaino sulle spalle per una camminata di mezz’ora. Quando chiedo se si è emozionata mi risponde – Sono passata per prima -, ma lo sapevo già che sarebbe andata così.

C’è chi ha condotto con i più grandi il grande urlo – Mamma, ti senti veramente potente quando fai il grande urlo -, e pensa già a quante specialità vuole conquistare quest’anno.

C’è chi ha incontrato la cera di una candela coi propri capelli e non so ancora come l’abbia tolta (io ho offerto le mie doti da parrucchiera, ma non ha gradito).

C’è chi è tornata scontenta e arrabbiata. Proprio per questo l’anno che arriva sarà ancora più importante: per trasformare le condizioni che sembrano avverse in una sfida da vincere.

C’è chi si prepara all’ingresso la prossima settimana e già si immagina come avverrà, entusiasta e sereno come chi inizia una strada già tracciata.

C’è chi da questa notte avrà qualcuno che dorme nella stanza a fianco. E potrà scoprire che non è un’intrusione nella sua vita, ma una risorsa in più per tornare a vivere.

Oggi inizia il nuovo mese e sono iniziate tante cose nuove per la nostra famiglia. Per i più piccoli e per i più vecchi. Sono stati passaggi importanti, voluti o sofferti, cercati o rimandati il più possibile. È un nuovo inizio, un autunno che prepara una primavera ricca di vita.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...