toglieteci i figli

Standard

Un 16enne entra a scuola ad Ivrea con una pistola e diversi coltelli per vendicare (magari anche “solo” attraverso una minaccia) l’amica del cuore che è stata lasciata dal fidanzato. Dove ha preso le armi? Nella cassaforte del padre.

Una maestra supplente di una scuola di Torino viene circondata dai genitori dei suoi alunni di quarta elementare perché secondo loro è causa del disagio dei figli, li strattona e usa violenza psicologica nei loro confronti. Dopo il confronto la maestra va in ospedale, perché un genitore le ha messo le mani al collo. Secondo la dirigente l’insegnante è un’ottima insegnante, i bambini non sono abituati a rispettare le regole e vengono incitati dai genitori a ribellarsi.

Un’insegnante di Palermo rimprovera un bambino che ha falsificato la firma dei genitori e la mamma e il papà l’hanno querelata e chiesto un rimborso di 34mila euro per i danni psicologici derivanti dal trauma per la sgridata ricevuta.

Dei ragazzi di seconda e terza media filmano i professori e poi diffondono il video tramite whatsapp, prendendoli in giro e quando la scuola che si è accorta di tutto ciò li sospende, i genitori insorgono perché la punizione è esagerata.

Toglieteci i figli, alla nascita, fin dal primo vagito. Non lasciateli con noi che abbiamo corpi cresciuti e cervelli rinsecchiti. Non lasciateli con persone che non hanno senso del bene comune, ma allenano la propria capacità di fare i furbi e fuggire ogni tipo di responsabilità. Portateli via da ambienti in cui non riceveranno stimoli, ma solo giustificazioni per le nostre mancanze che poi, grazie ai neuroni specchio, impareranno ad applicare alle loro.

Siamo noi la piaga della nostra società. Noi adulti che aggiriamo le regole, che insegniamo a trovare le colpe e a fuggire le responsabilità, che non educhiamo ma insegniamo a sopravvivere e a barcamenarsi nel mondo, che cerchiamo i riflettori per avere un momento di gloria (che sia di gioia o di dolore non importa, l’importante è che ci sia la gloria, e il riflettore che ci illumina il viso) e non alleniamo alla fatica, alla conquista, al sacrificio per costruire qualcosa di cui andare orgogliosi.

Toglieteci i figli e forse loro, lasciati da soli, potranno essere adulti migliori.

ps. nella foto un’opera esposta a Paratissima 2016, Zanno2509 “we are a happy family”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...