ma se io avessi previsto tutto questo 

Standard

Ci sono le vele al largo, decine di vele bianche vicine l’una all’altra, i ben informati della spiaggia dicono sia una gara.

C’è la famiglia tedesca che gioca a racchettoni, fa il bagno, prende il sole sdraiata per terra.

Ci sono ombrelloni chiusi con i giochi intorno, lasciati alla mezza e che oggi pomeriggio saranno di nuovo sparsi per la spiaggia.

Ci sono tre bambini, tutti miei parenti, con la maglietta addosso per non ustionarsi (perché la crema è rimasta a casa) che giocano a saltare le onde.

Ci sono due 12enni che nuotano al largo e raccolgono conchiglie, chele di granchio, pietre.

Ci sono mail di lavoro che arrivano, le leggo, rispondo e le dimentico. C’è a casa tre kg di pizza che sta lievitando e ci aspetta per stasera.

È un mercoledì di luglio e sono in spiaggia: “ma se io avessi previsto tutto questo, dati, causa e pretesto e attuali conclusioni” non avrei mai fatto la dipendente in vita mia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...