novità?

Standard

“Quando l’acqua tocca il culo si impara a nuotare” mi ha insegnato mia nonna. Per dire che poi, quando ti trovi nella situazione contingente, troverai un modo per cavartela e non lasciarti travolgere dagli eventi.

E come la borsa di Mary Poppins si riempie di oggetti improbabili, ma tutti assolutamente indispensabili, così la vita della nostra famiglia si gonfia e cambia forma per lasciare spazio all’imprevisto. A volte bello, a volte brutto, a volte normale. Ma quasi sempre accolto a testa bassa e con caparbietà da tutti e 5.

Oggi è stata la giornata delle novità, tutte quasi già inglobate nella routine.

La macchina nuova, ritirata stamattina, e messa alla prova da carichi e scarichi di figli, ingressi millimetrici nei parcheggi e accompagnamenti multipli. Ha il cambio automatico, innovazione a cui pensavo di essere meno pronta di quanto mi sia poi dimostrata, anche se mi ritrovo con due arti praticamente inutilizzati, la gamba sinistra e la mano destra, che si ritrova appoggiata sul cambio senza in realtà alcuna utilità.

Il corso di inglese e la prima lezione di orchestra per Jacopo, che trasformano il mercoledì pomeriggio (da adesso a metà giugno) in uno slalom di impegni, in cui oggi casualmente non si era ricordato di incastrare i compiti per domani. Ma passare una sera a lavorare fino a prima di cena è educativo per un dodicenne troppo concentrato su tutti gli aspetti sociali e culturali della sua vita e un po’ meno su quelli meramente scolastici.

L’apparecchio mobile appena ritirato, che Lucia dovrà mettere per adesso solo di notte per abituarsi. A mandare giù la saliva, a parlare, a dormire, a levarlo e a continuare la vita di tutti i giorni. E poi tra 15 giorni il tempo di prova sarà finito e il sorriso della mia ragazza sarà sempre con qualcosa di metallico in mezzo. Ma sarà lì che lei dimostrerà di essere un vero fiore d’acciaio, capace di abituarsi a ogni cosa.

E poi c’è la centrifuga della lavatrice in cui periodicamente piombiamo, per eventi inaspettati e difficili da mandar giù che capitano intorno a noi, in cerchi più o meno vicini al nostro. Eventi che ci tengono col fiato sospeso, ci scompigliano e ci parlano nei sogni, ci fanno riscoprire ogni giorno di più quanto sia solida la nostra famiglia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...