il gioco che non smetterai mai di giocare

Standard

Quando sei riuscita a far pace coi tuoi sogni di ubiquità e hai accettato di non andare all’evento più importante dell’anno scout di tuoi figlio piccolo, per accompagnare la figlia di mezzo a una delle due gare di ginnastica artistica dell’anno, quelle per cui si allena 13 ore e mezza la settimana, peschi subito la carta “imprevisto”.

Quando sei riuscita a incastrare quasi alla perfezione un pomeriggio complesso di lavoro, festa di compleanno a cui è invitato il piccolo, allenamento della media e partita di basket del grande (e gli hai pure detto “porto la macchina fotografica e il cavalletto così vi faccio delle foto”), ecco che il dado rotola sulla faccia “probabilità”.

Quando ti permetti una serata fuori, abbandonando i figli maschi da soli a casa per un’ora circa, in attesa dell’arrivo del padre che intanto va a prendere ad allenamento la media, quando hai messo a tacere la tua stanchezza cosmica di queste serate per concederti quattro chiacchiere con delle amiche perché altrimenti resteremo tutti schiacciati sotto il macigno della pigrizia e delle cose che dobbiamo fare, senza ricordarci che quelle che vogliamo fare ci danno ali per andare a respirare aria fresca, sicuramente capiterai nella casella “stai fermo un giro”.

Svegliarsi con una figlia con 38 di febbre un venerdì come questo vuol dire rivoluzionare tutti i tuoi piani che già si reggevano in piedi per miracolo. Scoprire che la febbre nel pomeriggio è arrivata a 39,5 vuol dire rivoluzionare anche quelli degli altri 3 componenti della famiglia. Nulla di anomalo, tutto nelle regole del gioco: la carta “imprevisto” è il segnalibro di ogni mamma, la faccia “probabilità” è quella che viene più spesso ad ogni lancio di dado, la casella “stai ferma un giro” capita ogni volta che invece sai che dovresti correre.

Poi vedi una foto della festa a cui è andato il piccolo e riconosci la compagna di scuola arrivata ieri, coi capelli talmente corti che non si vedono, col sorriso in un viso gonfio di cortisone, con la voglia di stare tra i suoi compagni più forte degli imprevisti, capace di cercare probabilità dove forse sembrava non ce ne fossero, che ha accettato di stare ferma un giro per poi tornare a correre. Poi guardi in tv un bambino che emerge da un buco di neve e ti vengono i brividi. Poi vedi la sua mamma che esce poco dopo e il suo braccio teso verso quel buco che l’ha inghiottita, per indicare che là sotto c’è ancora sua figlia “c’è mia figlia là”. E ti metti a piangere e pensi che gli imprevisti, le probabilità e le soste fanno parte del gioco che hai scelto e che non smetterai mai di giocare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...