parole delle vacanze 10

Standard

#giorno10 migrazioni

quelle delle colombelle bianche che una volta, ci racconta Totò, passavano dal paese a giugno e poi a settembre se ne andavano. E invece adesso non vanno più via, si fermano tutto l’anno

quelle dei tonni che dall’oceano atlantico passano nel mar mediterraneo e vengono catturati nella tonnara alla Riserva dello Zingaro “sono quelli di andata e sono più buoni, perché hanno solo fatto una parte del viaggio e sono meno stanchi” ci spiega Luana al museo della Tonnara dell’Uzzu

quelle di mio papà e della sua famiglia, che ha lasciato la Sicilia per venire a Torino o andare negli Stati Uniti, per trovare un lavoro, lasciare la campagna, poter vivere diversamente. La Sicilia era solo nell’accento degli zii e di papà quando parlava con loro, nei pupi di zucchero che mia zia comprava e che mangiavamo scavandolo da dietro, nei racconti quando andavi a trovare i parenti in America, per cui l’Italia era solo la Sicilia

quelle delle donne velate che camminano nel mercato di Ballarò, degli indiani che vendono bibite in via Maqueda

quelle dei disperati che sono arrivati dall’Africa sulla spiaggia della Riserva di Torre Salsa un giorno prima che fossimo lì vicino, su un barcone

quelle di Paola che spera di avere una cattedra a Torino a settembre per poter fare il suo lavoro, l’insegnante

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...