vado forte

Standard

Da quattro anni sono entrata nel magico mondo della palestra. In versione soft e decisamente poco modaiola, perché le lezioni per strada con musica, movimenti coordinati e sorrisi di plastica non mi si addicono molto. Anche in versione poco chiacchierona, perché in fondo resto sempre una timida e pure un po’ stronza, quindi quei quarti d’ora di assenza in cui sento solo la fatica del mio corpo sono qualcosa che non mi infastidisce per niente.

Ho un’insegnante invidiabile, da tutti i punti di vista: perché è una donna bella, intelligente, capace di fare movimenti armonici, eleganti e al tempo stesso di una potenza incredibile. Porta avanti un gruppo misto di età e capacità con fermezza e rigore, spingendo ciascuna a fare un po’ di più, a credere che possiamo migliorare. E io ci provo a crederlo, ma quando mi trovo ingarbugliata nel tessuto come se fossi un salame anziché riuscire a fare la posizione del giaguaro, penso che in fondo lei mi tiene nel corso come mascotte, esempio di come tutti possano provarci (non riuscirci). E mentre sei lì, in uno sforzo sovraumano per capire cosa devi fare e farlo meno peggio di come ti verrebbe naturale, quando la senti che si avvicina ti dici “ecco, sto sbagliando”.

Ieri eravamo lì, gambe appese al tessuto e culo per terra, a fare addominali e lei ha iniziato a passeggiare tra una e l’altra. Ho imparato, non solo in palestra, che la miglior tattica è ammettere subito le proprie debolezze perché in qualche modo dispone l’altro (e spero sempre anche me stessa) in un atteggiamento comprensivo e accomodante. E così quando si è fermata di fianco a me le ho subito chiesto se sbagliavo a far l’esercizio, perché lei aveva detto di tirare su braccia, testa e spalle e io andavo oltre.

– No va benissimo, stavo appunto notando che con gli addominali vai forte –

Ho finito la mia lezione con somma gioia, un briciolo di autostima in più e pensando che l’indomani mattina avrei pagato l’esuberanza dell’addominale, non riuscendo neanche a piegarmi per allacciare le scarpe. E invece tutto tace intorno all’ombelico e io mi godo quel silenzio.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...