rumori e silenzi

Standard

Ognuno ha delle grandi domande irrisolte, modulate secondo i propri interessi, la propria sensibilità, i propri talenti. Ognuno vede dei rischi diversi nella propria quotidianità.

Diego è in quella fase in cui si scopre se stessi, partendo prima di tutto da ciò che c’è di più concreto: il proprio corpo. Ha un talento particolare per i rumori che il corpo produce e sa fare un intero concerto di rutti e scorregge in solitaria, come uno di quei musicisti con attaccato al corpo una banda completa. Queste possibilità espressive lo incuriosiscono e lo riempiono di orgoglio, anche perché di solito le sue performance fanno scoppiare dalle risate i suoi fratelli grandi (e si sa che essere divertenti per i grandi è carburante puro per la propria autostima). Però deve aver iniziato a temere di esagerare e l’altro giorno si è informato circa i rischi.

– Mamma, si può morire di rutti? –

– Non credo Diego –

– E di scorregge? –

– Non mi risulta –

– Secondo me di scorregge si può scoppiare –

Abbiamo archiviato la questione e pur incerto circa le mie risposte deve avere pensato che siano dei rischi che può correre, visto che le performance non si sono interrotte. L’altra sera però è emerso un nuovo rischio per questo giovane uomo che si affaccia sul mondo.

– Diego, quando fai la pipì in piedi devi centrare il buco o asciugare la tavoletta del water, altrimenti noi femmine ci sediamo sul bagnato. Anzi, impara a sollevare la tavoletta – gli dico dopo essermi seduta sull’umidiccio.

La sera, prima di andare a dormire va in bagno e solleva l’asse del water. Dall’ingresso lo sento parlare.

– Non cadere, mi raccomando – dice all’asse del water, per paura che con un colpo netto i suoi attributi possano cadere nel buco. Ed è un attimo che parta a sorpresa lo sciacquone.

Annunci

i bambini (non) vanno protetti

Standard

I bambini vanno protetti. Si, ma da cosa?

Non vanno protetti dai colpi d’aria perché se si ammalano per aver corso in cortile e aver sudato il loro sistema immunitario, che nella maggior parte dei casi fortunatamente è ben funzionante sin dalla nascita, reagirà e combatterà quelle che sono minacce per l’organismo. Perché quando sono malati imparano ad ascoltare i segnali del loro corpo, ad accettare che non sono dei super eroi.

Non vanno protetti dai graffi sulle ginocchia o dai lividi sui gomiti. Perché nelle cadute sperimentano che il mondo ha degli ostacoli, che devono diventare competenti per superarli, che le azioni hanno conseguenze, talvolta dolorose e che lasciano dei segni. Che non si muore per un graffio, ma senza si stava meglio. Che i lividi fanno male, ma stare seduti sul divano per evitare di cadere è molto noioso.

Non vanno protetti dalle liti, dalle delusioni, dalla fatica. Perché in queste occasioni impareranno che la vita richiede capacità di negoziazione: con gli altri, coi nostri sogni, con la nostra capacità di resistenza. E che dalle liti nascono amicizie, dalle delusioni sogni più giusti per ciascuno di noi, dalla fatica grandi risultati.

Vanno protetti da noi adulti.

Dalla nostra immaturità che ci fa fare un passo avanti e due indietro nell’educazione: togliamo il ciuccio, ma poi lo portiamo in borsa così glielo potremo dare se faranno i capricci; regaliamo lo smart phone a Natale, ma poi andiamo di nascosto a leggere le chat di whats app. Diamo autonomia, ma poi la togliamo al primo ostacolo perché costruire l’autonomia di un bambino è un percorso lungo, a volte faticoso, fatto di errori e cadute. Che richiede tempo e impegno.

Vanno protetti dalle nostre aspettative, nel bene e nel male, che ci portano a fargli fare una strada che tracciamo noi, costruita su ciò che crediamo sarà giusto per loro e non sui loro reali desideri, aspirazioni, bisogni. Allora li sfiniremo di allenamenti intensivi di sci o di esercitazioni al pianoforte perché li vorremmo novelli Tomba o concertisti della Scala. Oppure gli impediremo di giocare a basket, convinti che non sono portati e che quindi provare non vale la pena.

Vanno protetti dalla nostra ansia di offrire loro possibilità. E quindi come palline del flipper impazzite correremo da un lato all’altro della città per non fargli perdere nessun corso o torneo o workshop. E nella corsa ci dimenticheremo di chiedere a loro cosa vorrebbero fare o semplicemente come si sentono.

Vanno protetti dal nostro bisogno di accudirli, di prenderci cura di loro, di garantire la nostra presenza in ogni momento. Perché la loro dipendenza, i loro capricci quando ce ne andiamo, il loro “non sentirsi pronti per star lontani da noi” diventano la misura del nostro valore, del nostro impegno profuso per loro, della nostra identità. Non sappiamo lasciarli andare perché senza di loro non sappiamo chi siamo, perché il loro attaccamento ci dimostra che siamo importanti per qualcuno e sfruttiamo la dipendenza per darci una forma e non indagare sul nostro contenuto.

I bambini non vanno protetti, vanno rispettati. Perché sono persone, non i nostri pupazzi. Perché siamo solo i loro genitori (o insegnanti o educatori o allenatori), non siamo loro stessi.