un’altra estate

Standard

Ieri, tornando in macchina da una festa fuori città.

– Mamma, metti quella canzone che cantavamo tutti insieme in vacanza due anni fa –
– Poi metti quella che partiva da sola all’Argentario ogni volta che accendevamo la macchina –
– Adesso metti quella di quel gruppo che ti ha fatto conoscere papà e poi è piaciuto anche a te, quelli di cui abbiamo sentito il concerto. Ti ricordi quel ragazzo che ballava davanti a noi? –

E abbiamo sentito “non farti cadere le braccia”, “hasta siempre” e canzoni sparse degli Statuto. E le abbiamo cantate tutti insieme, in coro, inventando un po’ le parole se non le ricordavamo.

Ecco quello che mi manca di questa estate che sembra non esserci stata: cantare in macchina, allegri, spensierati, sereni e con tutta la vita davanti. Cantare e non pensare a nulla, spegnere il cellulare di notte e non avere un brivido ogni volta che suona. Essere in un posto solo, tutta intera, non con la testa e il cuore da un’altra parte. Goderci insieme il tempo e pensare che nulla ci aspettava a casa, se non le piante da bagnare e i pupazzi da riabbracciare. Ecco perché vorrei un’altra estate, per andare a un concerto, godermi un pranzo in spiaggia, sentirmi nel posto giusto al momento giusto.

Annunci